ANATOMIA DI UN FILM

ANATOMIA DI UN FILM

Sono reduce dalla produzione di un video, per la precisione un cortometraggio che ora va in montaggio.
E come non mai, mi sono reso conto che una cosa del genere va programmata nel dettaglio, pena il rischio di dover buttare tempo, soldi e materiale.
-La prima cosa da considerare è la previsione di spesa: ogni progetto va vagliato nei costi ancora prima di cominciare a scrivere qualsiasi sceneggiatura. Cominciare un video senza avere il budget, significa doversi accontentare della soluzione gratis ed improvvisata, cosa di per sé non negativa, ma se non controllata bene rischia di naufragare senza essere portata a termine.
-Sceneggiatura: Che sia autonomamente scritta o fatta da altri, è fondamentale. Sottoporla a chi vi fidate è il passo successivo, vedere le cose in maniera alternativa alla nostra non fa che apportare miglioramenti. Quanto più dettagliata sarà ( possibilmente con uno storyboard), quanto prima si finirà di girare e in montaggio il lavoro sarà molto più preciso.
-Attrezzatura: non serve portare l’impossibile. Con la sceneggiatura bisogna programmare quello che ci servirà, anche sulla base degli imprevisti, dalle luci alle camere di ripresa. Portare con sé troppa roba aumenta il rischio di dimenticare in giro qualche cosa. Meglio avere con sé una camera di scorta e le schede di memoria dovrebbero essere l’unico materiale che non fa schifo portare in abbondanza.
-Assistenti: più gente aiuta e meglio si lavorerà.

             

No Comments
Leave a Comment: